Viaggia attraverso l'Islanda nel 2013

3636
0

Viaggia attraverso l'Islanda a luglio dell'2013

@ Foto e racconto di viaggio inviati da Antonio Panadero, puoi vederne molti altri http://www.flickr.com/photos/tonipanadero/

Tour dell'Islanda luglio 2013
Tour dell'Islanda luglio 2013

Mia moglie ed io lasciammo la Stazione Nord Valencia; indirizzo Barcellona Sants, da lì c'è una buona combinazione di metropolitana per l'aeroporto di El Prat. Abbiamo avuto un placido volo di 04h: 30min con Vueling. Il piano era di trascorrere una giornata nella capitale Reykjavik, noleggiare un'auto e percorrere l'isola nelle nostre due settimane per accedere e godersi la natura, la ragione principale per viaggiare attraverso l'Islanda.

Cascate, ghiacciai, vulcani, geyser e villaggi di pescatori formano la cartolina di questa destinazione, che pur non essendo esattamente economica, che non lo è (i prezzi sono quelli del nord Europa, dei paesi scandinavi, ecc ...), consente il libero e libero accesso a tutti i suoi magnifici paesaggi. Indicato per gli amanti della natura, è frequente imbattersi in ciclisti per strada con la tenda addosso, che girano per la campagna e talvolta dormono all'aperto con solo la giacca.

C'è una stragrande maggioranza del turismo naturalistico, delle attività sportive all'aperto e delle roulotte che trovi in ​​mezzo al nulla. L'Islanda è un paese strano agli occhi di un viaggiatore del sud, ma assolutamente consigliato, la presenza fisica si impone e produce sensazioni profonde.

In queste date il clima è benigno (10 ° - 12 ° gradi di temperatura media) e si hanno anche molte ore di luce a causa del sole di mezzanotte. Nella stessa giornata il sole solitamente si alterna alle nuvole e quasi sempre alla pioggia. L'Islanda dà la sensazione di essere un paese assolutamente sicuro senza alcun accenno di criminalità.

 

 

ARRIVO a REYKJAVIK.

Siamo arrivati ​​all'01: 30 h all'aeroporto internazionale di Keflavík, Il più grande aeroporto dell'Islanda e il principale per il trasporto internazionale. Si trova vicino alla città di Keflavík, a circa 50 chilometri dalla capitale. Verso le 02:00 eravamo nella cabina individuale dove abbiamo dormito in un ostello vicino all'aeroporto e quasi all'alba. Motel Alex  Guesthouse  Adalgata 60, 230 Keflavík. Le colazioni sono di solito buffet gratuito composto da caffè e succo di frutta, alcuni dolci e una varietà di salumi e frutta. Niente di eccezionale ma abbastanza da raccogliere forza. // //

REYKJAVIK.

Il giorno dopo colazione in Motel Alex  e autobus dall'aeroporto a  4th Floor Hotel  Laugavegur 101, 101 Reykjavik (140 euro) di Reyjkavik.

Chiesa di Reykjavik Hallgrimskirkja
Chiesa di Reykjavik Hallgrimskirkja

Il servizio di pensione comprendeva il servizio di pick-up e drop-off per l'aeroporto che era a malapena entro i minuti 5. Una volta abbiamo trovato diverse compagnie di autobus e taxi, le prime meno costose. Cogliamo anche l'opportunità di cambiare denaro, anche se puoi pagare tutto in modo assoluto con una carta di credito. In un'ora eravamo alla stazione degli autobus e da lì all'hotel con il minivan.

Avevamo prenotato solo una notte. L'hotel 4th piano Si tratta di una sistemazione moderna e centrale con connessione Wi-Fi gratuita.

Reykjavik è una città piccola e pulita, con case basse dipinte a colori con un foglio di metallo come esterno, accogliente, ma costoso. I prezzi sono alti in generale. Una birra in un bar da otto euro. C'è una varietà di pub e ostelli per backpackers con abbastanza atmosfera e buona musica, il freddo e la pioggia sulla strada, ne fanno una buona opzione per ascoltare musica dal vivo con qualche pinte, se la tua tasca resiste.

Puoi anche approfittare di  Happy hour che sono nella stragrande maggioranza. Dispongono inoltre di connessione Wi-Fi gratuita. Molti pub hanno cartelli sulla porta che annunciano il 2x1 o il programma dei concerti. Ci sono anche i tipici pub irlandesi e inglesi di qualsiasi città.

// //

La maggior parte delle persone che troverete su questi siti sono studenti, Erasmus, turisti, escursionisti, giovani in generale. Dormire o comprare souvenir non è economico.

La chiesa si distingue Hallgrimskirkja, è l'edificio più alto di tutto il paese, di una notevole robustezza, dal campanile si ha una magnifica vista panoramica di Reykjavik e dei suoi dintorni se le nuvole non lo impediscono, una cosa normale. Di fronte c'è la statua di Leif Eriksson, figlio del famoso Erik the Red. L'atmosfera della città è concentrata nella strada pedonale Laugavegur e la sua continuazione dopo aver attraversato il lato ovest della città.

Questa zona è piena di bar, ristoranti e negozi. La gastronomia non è il punto forte, i suoi piatti tradizionali provengono dall'eredità vichinga: pesce affumicato e essiccato con burro, un po 'di carne fredda di agnello fermentato e squalo con un forte odore e sapore di ammoniaca. Il resto sono piatti che puoi trovare ovunque, pasta, carne, hamburger, pesce, soprattutto salmone.

Grandi code si formano nelle bancarelle di hot dog. Abbiamo mangiato nel Loki Coffee Lokastigur 28 | 101 Reykjavík. Si trova proprio di fronte alla chiesa, e si può gustare un piatto combinato di cibo tipico islandese accanto alla finestra del secondo piano con una splendida vista.

Niente di straordinario oltre alla soddisfazione di aver assaggiato (zuppa + piatto + birra su euro 25 a persona)

Abbiamo trascorso una giornata di pioggia in città. Quando arrivammo all'hotel alle dodici di sera dovemmo tirare le tende per impedire che entrasse la chiarezza. Il crepuscolo attorno a 00.30 hy e su 02.30 h è già alle stelle.

Reyjavik-Pingvellir-Gullfoss-GEYSIR-Seljalandsfoss-skogafoss-VIK. (350 KM APPROX.)

Dopo la colazione in hotel abbiamo noleggiato una macchina con Hertz  Per nove giorni (800 euro), c'è un'ampia varietà di auto a noleggio nella stessa città, alcune con prezzi più convenienti, ma visto lo stato di alcune strade abbiamo deciso di una compagnia di garanzia. Abbiamo anche noleggiato una Toyota Yaris, un modello base molto diverso da quello che sarebbe stato un fuoristrada. La gestione è effettuata da Valencia. Con il sole addosso per la prima volta durante il viaggio, abbiamo lasciato Reykjavik per Vik (280 km). La rete stradale islandese ha solo pochi km di autostrada sulla tangenziale della capitale, il resto dell'isola è circondato da una strada principale a una corsia chiamata R1 o Ring road.

Uno dei tanti geyser in giro per l'Islanda
Uno dei tanti geyser in giro per l'Islanda

Comunque guidare è facile, soprattutto a causa del poco traffico, dato che il volante è dallo stesso lato, meno male! Attenzione ai limiti di velocità (90km / h per l'intera isola come regola generale) e ai radar, soprattutto nelle vicinanze della capitale. È divertente ma alle stazioni di servizio puoi pagare solo con carta di credito e alla stessa pompa, nessuno ti dà benzina o ti fa pagare. Quando esci dalla R1 troverai strade sterrate e non asfaltate, un 4 × 4 è consigliabile anche se non essenziale.

Ci siamo diretti prima verso nord-ovest, da una strada interna a Thingvellir National Park, Patrimonio mondiale. Questa valle è uno dei luoghi storici più importanti dell'Islanda. Sede del vecchio parlamento vichingo a cielo aperto e dove si può vedere la rottura tra le placche tettoniche dei continenti europeo e nordamericano. Un posto bellissimo ma non molto spettacolare, ha più peso storico che turistico. Nelle vicinanze si trova l'area di Geysircon il geyser Strokkur situato nella valle di Haukadallur. Fonte di acqua calda originale che dà il nome alla sfida dei geyser del mondo. Devi aspettare diversi minuti tra getto e getto, raggiunge un'altezza considerevole.

Per terminare il cosiddetto cerchio d'oro ci siamo diretti verso la cascata Gullfoss (Cascata d'oro) situata nel canyon del fiume Hvítá e una delle attrazioni più popolari del paese. La cascata sorprende per il flusso dell'acqua e per l'enclave in cui si trova. Puoi avvicinarti al bordo dopo una piccola passeggiata. A questo punto una pioggia sottile ci accompagna sulle rive di Vik.

Sulla strada per questa città vediamo il Cratere Kerid, l'unico posto che paghiamo in tutta l'Islanda. Più a sud, vicino alla costa ci sono le bellissime cascate di Seljalandfoss  y skogafoss. Il primo si trova in quelle che erano precedentemente le scogliere e permette di passare attraverso il suo interno, dietro la cortina d'acqua. Skofagoss è un torrente d'acqua verticale, lo abbiamo visto molto rapidamente a causa della pioggia intensa. Siamo rimasti sorpresi dal fatto che mentre non siamo usciti dalla macchina per guardarlo, c'erano molte tende installate nonostante il maltempo e la pioggia.

Siamo arrivati ​​a Vik nel tardo pomeriggio, abbiamo ottenuto l'ultima stanza nel Puffino Hostel  Víkurbraut, 870 Vík. (Intorno agli euro 100)

Apparentemente l'hotel era pieno e nel secondo edificio c'era una stanza con un bagno in comune, ma senza lenzuola, solo un materasso per mettere il sacco. Dopo aver parlato con il proprietario ci ha gentilmente dato dei fogli. Quella stessa notte dal computer della sala abbiamo prenotato un trekking attraverso il ghiacciaio Skaftafell per il giorno successivo.

VIK-GLACIAR SKAFTAFELL- LAGUNA GLACIER JOKULSÁRLÓN -HOFN (300 km circa)

Dopo una buona colazione, la prima tappa è stata sulle favolose scogliere di Dyrholaey  e le sue spiagge di sabbia nera. Su queste coste si trovano scogliere formate da colonne di basalto nero che sorprendono per la loro geometria e originalità.

Scogliere di Dyrholaey
Scogliere di Dyrholaey

Abbiamo due ore davanti a noi in un paesaggio monotono e identico punteggiato da pecore e cavalli. Mentre ci avviciniamo al parco nazionale di Vatnajökull  possiamo vedere dalla stessa strada le immense lingue di ghiaccio del ghiacciaio. Per fare il trekking di due ore hai solo bisogno di alcuni scarponi da montagna che ti danno il posto e dei ramponi per camminare sul ghiaccio che ti hanno messo. In un gruppo di dieci persone siamo andati con il furgone al ghiacciaio con la guida, che tra le altre cose ci dice che la strada sterrata a cui abbiamo acceduto è stata fatta dal produttore Game of Thrones per trasportare materiale e attori alle riprese dell'anno passato. Camminare sul ghiacciaio è una grande esperienza più rumorosa di quanto pensassimo. Devi andare a inchiodare e calpestare i ramponi sul ghiaccio.

Dopo il ritorno, proseguiamo per la laguna glaciale di Jökulsárlón. Un lago con accesso al mare dove ci sono iceberg galleggianti di ghiaccio provenienti dal ghiacciaio.

Hofn è una città molto piccola situata in una laguna marina e porta dei fiordi orientali. Abbiamo prenotato la camera el  Pensione Höfn  Vesturbraut 3, 780 Höfn.

Nel porto c'era un concerto all'aperto con i musicisti in cima a una chiatta da pesca, ma la pioggia ci fece desistere dal restare.

HOFN-FIORDOS-HENGIFOSS-EGILSSTADIR (250 KM APROX).

Cascata di Hengiffos, Islanda
Cascata di Hengiffos, Islanda

Il sole forte di nuovo al mattino, e che ci ha permesso di goderci durante il viaggio su strada degli incredibili fiordi che raggiungono il mare.

Qualche villaggio di pescatori e lasciamo la strada principale da visitare  Hengiffos, devi scalare una montagna per quasi un'ora per vedere questa alta cascata 118m e le sue impressionanti colonne di basalto esagonale.

Di nuovo comincia a versare e scendiamo in macchina per continuare a Egilsstadir per vedere se troviamo un albergo.

Questa città non ha nulla di speciale, siamo andati solo per una deliziosa cena al salmone.

Non ricordo il nome del ristorante, ma non c'è altro e la città ha quattro strade, quindi non è difficile da trovare.

Dormiamo nel Guesthouse Ormurinn  Fagradalsbraut 9, 700 Egilsstadir.

EGILSSTADIR-Dettifoss-HUSAVIK

Cascata di Dettifoss, Islanda
Cascata di Dettifoss, Islanda

Ricominciamo la giornata con il sole, la strada attraversa un paesaggio aranceto e desertico culminato da alcuni vulcani. Dopo aver lasciato la R1, la strada sterrata inizia a complicarsi con molte buche e pietre, inoltre bisogna stare attenti a non correre sulle pecore che ogni tanto si incrociano o si fermano in mezzo alla strada.

La cascata Dettifoss  e il canyon che lo circonda sono spettacolari.

Arrivammo a mezzogiorno alla graziosa cittadina di pescatori di Husavik, le terrazze sul mare erano piene di gente che mangiava al sole. Prima di cercare un hotel, siamo andati al ristorante Salka per alcuni gamberi deliziosi, alcune cozze e un po 'di pesce, tutto molto buono.

Proprio lì abbiamo fatto due prenotazioni per l'avvistamento delle balene. Husavik è pieno di compagnie per gite in barca, ma questo è nuovo e ha prezzi più competitivi. Circa quaranta euro a persona, tre ore. Siamo andati a 20.00 h, la luce del tramonto era spettacolare, sulla barca c'erano solo sei persone, abbiamo visto subito balene blu da molto vicino, con l'acqua completamente calma e una luce crepuscolare l'esperienza è stata fantastica.

Dopo uno spuntino siamo tornati al 23.00 al porto.

LAKE MYVATN-GODAFOSS-AKUREYRI (220 KM APPROX.)

Godafoss cascata, Islanda
Godafoss cascata, Islanda

Questa zona è famosa per la varietà di crateri e formazioni vulcaniche che offrono un ambiente lunare. Abbiamo visitato la zona e abbiamo deciso di salire il pendio dell'incredibile cratere Hverfjall.

Siamo arrivati ​​alla cascata Godafoss o cascata degli dei, il più spettacolare di tutti a mio giudizio.

Continuiamo il nostro viaggio verso Akureyri, la seconda città più grande d'Islanda è piuttosto vivace, ha un'offerta alberghiera ed è il punto di partenza per noleggiare pacchetti di escursioni nella zona.

Dormiamo nel Pensione Akureyri  proprietà dell'hotel con lo stesso nome in cui siamo entrati per chiedere i prezzi, e che si trova nella strada pedonale Hafnarstraeti.

La struttura offre camere funzionali (tra 80 e 90 euro) con bagno privato o condiviso a un prezzo molto inferiore rispetto agli hotel. La sistemazione è decisamente piuttosto costosa in Islanda.

AKUREYRI-SAUDARKROKUR-BLONDUOS (180 KM APPROX.)

Al mattino e con un tempo orribile siamo andati a casa di Babbo Natale situato a poca distanza dalla città, un peccato perché non lo era, ma comunque abbiamo lasciato la lettera nella buca delle lettere.

Fattoria-museo di Glaumbaer in Islanda
Fattoria-museo di Glaumbaer in Islanda

Già nella direzione di Saudarkrokur si trova la fattoria-museo Glaumbaer, una vecchia casa di campagna con tetti di terra ed erba, sembra che siano stati realizzati in questo modo per secoli.

Situato nel XVI secolo, riproduce lo stile di vita di quel tempo, vi si accede all'interno per vedere tutti gli appartamenti all'interno, cucina, camere, ecc ...

Devi pagare l'ingresso ad alcuni giovani travestiti da tempo. Ci siamo resi conto all'uscita e dal momento che nessuno ci aveva detto nulla, è una questione di fiducia, abbiamo investito i soldi dell'ingresso in una birra a Saudarkrokur, non c'erano cattive intenzioni. C'è anche una casa da tè con decorazioni molto d'epoca.

Saudarkrokur è un piccolo villaggio di pescatori con un rapido sguardo. Siamo arrivati ​​a Blonduos e abbiamo preso una stanza nel Pensione Kiljan Adalgotu 2, Blonduos.

È una casa privata vicino alla costa il cui proprietario è un bel polacco. Siamo riusciti a trovare un posto dove cenare e ordinare un paio di pizze. Senza alcun interesse speciale abbiamo passato la notte a Blonduos.

Blönduos-STIKKYI- GRUNDARFJÖRDUR (200 KM APPROX.)

Le cronache quotidiane si accorciano sempre di più, il lato ovest dell'isola offre meno alternative, i paesi sono molto piccoli e non c'è quasi gente per strada, cenano presto e alle nove di sera puoi solo andare in camera a leggere un libro. Stikky è un bellissimo paese di pescatori, punto di imbarco per i traghetti che vanno ai fiordi nell'ovest del paese. A questo punto abbiamo percorso quasi 2.000 km in macchina su tutti i tipi di strade, con pioggia, neve, nebbia o una combinazione di tutte. Abbiamo deciso di trascorrere il pomeriggio tranquillamente nel Centro Turistico di Grundarfjordur, prendendo un caffè con latte e leggendo. Poi dopo una breve passeggiata attraverso la città per vedere la montagna vulcanica Kirkjufell, abbiamo pernottato nel villaggio in una pensione.

TORNA A REYKJAVIK

Rientriamo nella capitale passando per i vicini paesi di Akranes e Borgarnes dove ci fermiamo a mangiare. Eravamo arrivati ​​due giorni prima del previsto, il weekend stava iniziando ed era pieno di turisti. Ci siamo avvicinati al Centro informazioni turistiche situato in via Adalstraeti per cercare di prenotare una pensione. È stato difficile, poco spazio e prezzi altissimi, alla fine abbiamo dormito due giorni su un divano letto in una splendida casa in centro per 70 euro a notte dopo aver negoziato con il proprietario. Era la casa dove abitava suo padre, a tre piani, avevamo un bagno per noi e una doccia al piano di sopra. Cordiali ma discreti abbiamo incontrato occasionalmente parte della famiglia.

Blue Lagoon, Islanda
Blue Lagoon, Islanda

Ne approfittiamo per vedere cose in sospeso dal primo giorno come l'Harpa, che è un centro per conferenze e concerti, moderno e trasparente grazie alle sue pareti di vetro. L'ingresso è gratuito. Abbiamo anche visitato il Reykjavik Art Museum (12 euro a persona) HAFNARHÚS Tryggvagötu 17, 101 Reykjavík. Le mostre di Hafnarhús si concentrano sull'arte contemporanea.

Approfittando del fatto che avevamo ancora la macchina il giorno successivo ci siamo diretti alla Laguna Blu, a circa 50 km da Reykjavik in direzione dell'aeroporto. Blue Lagoon è una Spa artificiale situata in un campo lavico, le acque provengono da un vicino impianto geotermico. Ha cascate di acqua calda, saune, caffetteria, ristorante e bar nell'acqua stessa. Entrando ti regalano un braccialetto in base ai servizi che hai pagato, un accappatoio, massaggi, ecc… Il prezzo si aggira sui 40 euro e gode di un gran numero di visitatori, molti attratti dai benefici medicinali dell'acqua. Fai attenzione ai capelli lunghi, specialmente nelle ragazze, anche se ci sono docce prima e dopo il bagno e dispensano il balsamo per capelli, questo rimane come "una spugna abrasiva" in termini letterali.

L'ultimo giorno abbiamo restituito l'auto e preso il servizio di autobus per l'aeroporto che parte dall'edificio Harpa e che può essere prenotato presso i centri di attenzione turistica o acquistato allo stesso tempo.

Era arrivato il momento di tornare a casa, dai dodici ai quindici giorni bastano, partiamo con la sensazione di aver visto quasi tutto ciò che è importante sull'isola, balene, ghiacciai, cascate, forse un elfo. Vorremmo poter vedere l'aurora boreale, ma si verificano in inverno quindi dovremo tornare un giorno.
[jbox color = "blue" vgradient = "# fdfeff | # bae3ff" title = "Ti è piaciuto questo articolo?"] Bene, ti chiediamo solo di condividerlo nel in cima all'articolo  Hai pulsanti per condividerlo google plus, facebook, twitter, pinterest, ecc ... [/ jbox]

4.7/5 - (218 voti)

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.