Viaggio attraverso il Tibet a settembre dell'2010

1481
0

Viaggio attraverso il Tibet a settembre dell'2010

@ Foto e racconto di viaggio inviati da Antonio Panadero, puoi vederne molti altri http://www.flickr.com/photos/tonipanadero/

Il nostro soggiorno nello Stato autonomo del Tibet consisteva in una sosta di cinque giorni che faceva parte di un viaggio più ampio che diverse persone hanno portato in Cina per quasi due mesi. Il gruppo era formato da cinque amici, che dopo aver visitato il Tibet e alcuni giorni a Lijiang, ci separammo a Yangshuo, io e mia moglie continuammo a Macao, Hong Kong e Shanghai, mentre gli altri tornarono in Spagna.

 

Permesso di ingresso e vista sull'Himalaya dall'aereo all'arrivo a Lhasa
Permesso di ingresso e vista sull'Himalaya dall'aereo all'arrivo a Lhasa

Prima di volare in Cina prepariamo un itinerario da casa con la rotta che volevamo fare, raccogliendo informazioni da guide, riviste specializzate e, naturalmente, Internet. Organizziamo tutto da soli, abbiamo dovuto prenotare in anticipo gli hotel in quasi tutte le città (http://memarchodeviaje.com) e voli interni le cui date segnerebbero i giorni di arrivo e partenza, compreso il viaggio di andata e ritorno per Lhasa, capitale del Tibet. È stata una visita breve ma con lunghe procedure burocratiche. Per prima cosa chiediamo i visti all'ambasciata cinese a Madrid, e poi un permesso di ingresso obbligatorio per poter volare in Tibet. Per molti anni l'ingresso agli occidentali è stato vietato a causa del conflitto politico che esiste nella zona, quindi abbiamo deciso di approfittare dell'apertura che il governo cinese ha fatto di recente, sebbene questo abbia notevolmente aumentato il budget economico del viaggio. Tuttavia, prima di andarci, devi assicurarti che la situazione non sia cambiata. Sia alla fine del 2010 che oggi il governo cinese cerca di impedire a chiunque di recarsi in Tibet da solo. // //

Per ottenere il permesso abbiamo dovuto pagare un tour, perché nessuno lo ottiene se non li assumi, senza un tour stipulato con un itinerario definito non c'è permesso Ottenere non è stato troppo difficile, dovevi solo fornire una serie di dati, date e pagare un pacchetto turistico a un'agenzia di viaggi. Abbiamo deciso su uno che tra l'altro non includeva il pranzo o la cena, quindi potevamo camminare liberamente attraverso Lhasa e pranzare o cenare dove volevamo. Contrattiamo con Sims Cozy Travel un pacchetto da circa 800 USD a persona per cinque giorni che comprendeva: trasporto, guida, autista, jeep e pernottamento con colazione.

Edifici tibetani situati sulla strada dall'aeroporto a Lhasa
Edifici tibetani situati sulla strada dall'aeroporto a Lhasa

Dipende dalle esigenze di ognuno, si assumono più o meno servizi con l'agenzia per risparmiare sui costi, ad esempio se si sta per visitare Lhasa non è necessaria una jeep, basta una guida, perché oltre al fatto che l'assunzione è obbligatoria, è possibile accedere solo i templi se sei accompagnato da uno di essi.

Di solito sono tibetani locali con un livello medio di inglese, che ottengono così un reddito economico. Dopo aver assunto l'intero pacchetto, l'agenzia ti invia un'e-mail con tutto l'itinerario dettagliato e con le cose che il servizio include o meno. Abbiamo già avuto il TTB (Permesso di ingresso in Tibet) per entrare in Tibet.

Anche la prenotazione dei voli secondo le nostre previsioni di viaggio è stata gestita dall'agenzia. Il volo di andata (3 ore) era da Xian, scalo a Chengdu, e costava 200 USD a persona, mentre il volo di andata era per Lijiang e costava 235 USD con uno sconto incluso in base alla mail che ci hanno inviato. Ci sono più compagnie aeree low cost in Cina (Sichuan Airlines, China Eastern Airlines, China Western Airlines, tra le altre), voliamo con Air China.

// //

È ovvio che viaggiare in Tibet non è economico, per restare cinque giorni avevamo già pagato mille euro senza essere partiti Valencia;. Dovrebbe includere anche le spese per pasti, cene, mance, ecc. Abbiamo prenotato un pacchetto base, il nostro interesse principale era incontrare il popolo e la cultura tibetani, la loro religione, vedere l'ex residenza del Dalai Lama e infine osservare la vita dei tibetani.

Abbiamo escluso di noleggiare trekking sull'Himalaya, incontrare popolazioni più remote o andare al campo base dell'Everest come fanno gli altri viaggiatori per motivi pratici di tempo, il nostro viaggio è stato in tutta la Cina e non solo nella regione del Tibet.

Inoltre, le priorità personali del gruppo non erano propense a questo tipo di attività rispetto al viaggio. Nonostante la natura impressionante del Tibet sia inseparabile dalla sua cultura e religione, abbiamo noleggiato un'escursione di un giorno per vedere laghi, montagne, yak, ecc ...

Il fatto di non essere in grado di viaggiare sulle proprie sbavature dell'immagine spirituale e mistica che tutti noi abbiamo in misura maggiore o minore del Tibet a causa della sua storia e dei riferimenti culturali che ci mostrano come un luogo semi-sacro. Tuttavia, non ci ha fatto perdere l'illusione o rinunciare al viaggio, valeva la pena fare lo sforzo aggiuntivo.

El il periodo migliore per visitare il Tibet secondo me è tra metà settembre e ottobre. Il tempo è mite considerando l'altezza che siamo, e non è né troppo freddo né troppo caldo, il cielo è limpido, pulito, soleggiato e ti permette di vedere le catene montuose dell'Himalaya.

VOLO A LHASA

Dopo circa 45min. In un minivan siamo arrivati ​​all'aeroporto di Xian alle 08.00 del mattino. Dopo aver mostrato il nostro passaporto nella coda del check-in dei bagagli e aver detto che la nostra destinazione era Lhasa, due poliziotti ci hanno separati in una coda diversa, hanno chiesto i nostri passaporti e il permesso di ingresso. Dopo controllalo tutte e tre le volte e una in più nel caso in cui compiliamo un documento con domande come la professione, i motivi del viaggio, l'hotel in cui alloggiamo, ecc ... controllano i bagagli e si assicurano che non siamo una squadra di giornalisti europei in incognito che cercano di registrare un rapporto clandestino sul Tibet.

L'attività non si ferma mai su Backhor Street
L'attività non si ferma mai su Backhor Street

Ci chiedono se al momento abbiamo delle telecamere di registrazione professionali Sono contento di aver compilato il modulo con una professione falsa (assistente amministrativo), e non come giornalista che lavora per una stazione televisiva spagnola, evitando così possibili problemi burocratici. Successivamente, un poliziotto mi chiede di accompagnarlo in un ufficio annesso per firmare un documento di responsabilità del gruppo e in cui affermavi di non avere intenzioni politiche o giornalistiche nel tuo viaggio in Tibet. Finalmente dopo quasi mezz'ora ci restituiscono il permesso di ingresso e accediamo alla sala d'attesa del volo. Siamo tutti un po 'eccitati e ansiosi, tra poche ore saremo a Lhasa.

Il volo parte puntuale, passa tranquillo, dopo lo stress dell'aeroporto tutti dormono tranne me, dal mio posto vicino al finestrino ci sono viste spettacolari sull'Himalaya, si possono apprezzare perfettamente le lingue dei ghiacciai e dei laghi che punteggiano le piste dalle montagne prive di vegetazione. Su questa rotta aerea non siamo passati vicino all'Everest, tuttavia alcuni mesi dopo su un volo tra Nuova Delhi e Kathmandu (Nepal) ho avuto la fortuna di vederlo e persino di scattarne una foto.

Fino a settembre 2013 l'aeroporto Gonggar di Lhasa era l'unico modo per entrare in Tibet in aereo, recentemente pagine di viaggio hanno pubblicato che è stato inaugurato l'aeroporto di Changdu Bangda, situato a 4.411 metri di altitudine, l'aeroporto più alto del mondo. . Si trova nella provincia tibetana del Sichuan e i voli partono da Chengdu, proprio come se volassi a Lhasa. Questa nuova rotta apre nuove possibilità per futuri viaggi in Tibet.

ARRIVO A LHASA

All'uscita di Aeroporto di Gonggar la nostra guida per il Tibet ci aspettava con cartello in mano, dopo i primi saluti ci ha accompagnati al minivan per presentarci l'autista. Erano entrambi tibetani locali, poiché il più delle volte l'autista non conosce l'inglese e si limita a tenere il volante. Presentavano l'immagine tipica, sottile, corta, con i capelli neri e la pelle scurita dal sole intenso. La maggior parte di loro sembra molto più vecchia di quanto non sia in realtà a causa delle rughe profonde e dei volti screpolati dal sole. La guida ci ha detto che si chiamava Norbu, era vestito semplicemente, pantaloni di stoffa scura, scarpe nere impolverate, una camicia bianca e un gilet di cotone rosso. Aspetto formale ma immagine scadente.

Bancarelle su Backhor Street dove acquistare souvenir
Bancarelle su Backhor Street dove acquistare souvenir

Hanno caricato i nostri bagagli sul furgone e poi ci hanno accolto con una cerimonia in stile tibetano mettendo su ciascuno il  Khata. Norbu ci ha spiegato durante il viaggio in hotel che il Khata È una sciarpa tradizionale tipica della cultura tibetana, che simboleggia la purezza e la compassione, sebbene nel nostro caso specifico abbia rappresentato l'inizio della nostra relazione o amicizia con lui. Sono fatti di seta e sono bianchi per mostrare il cuore puro di chi lo offre. Mentre te lo mettono al collo dicono l'espressione Tashi Delek (buona fortuna) Non smetteremo di vederli in molti posti nei prossimi giorni in Tibet. È l'equivalente di Aloha e la collana di fiori hawaiani.

El L'aeroporto si trova a circa 70 km da LhasaAbbiamo avuto quasi un'ora di auto fino a raggiungere l'hotel. Lungo la strada Norbu iniziò a darci una serie di consigli per il nostro soggiorno in Tibet che dovevamo tenere. Sebbene il suo inglese fosse abbastanza corretto, l'accento che ci aveva reso molto difficile avere una conversazione fluente con lui, alcune cose che doveva ripetere più volte e insieme abbiamo provato a tradurle, a volte abbiamo sorriso direttamente senza avere idea di cosa ci avesse detto. Comunque era molto chiaro nessuna foto alla polizia e ai militari cinesi a Lhasae non era uno scherzo. Potrebbero persino portarci via la nostra macchina fotografica.

Nel resto della Cina di solito non c'è nessun problema nel fotografare la polizia o i soldati in servizio nei principali monumenti turistici del paese, ne avevo fatti diversi nei dintorni di la città proibito a Pechino, ma questo avvertimento ci ha fatto capire che la situazione qui era molto diversa. Dopo aver preso fiducia in noi, ci ha denunciato l'invasione sociale e culturale che il governo cinese sta compiendo contro il suo popolo, la trasformazione che sta trasformando Lhasa in un'altra città cinese, identica al resto, di edifici grigi e monotoni, grazie a una politica espansionista che incoraggia l'immigrazione interna dal resto delle province cinesi, cercando di porre fine al riferimento universale del buddismo, con il tratto peculiare, tipico di questo Paese e della sua gente.

Bandiere e sciarpe di preghiera ovunque in Tibet
Bandiere e sciarpe di preghiera ovunque in Tibet

Consiglio anche il cattiva altezza, Lhasa è a 3.500m alto, e quando arrivi in ​​aereo non c'è acclimatazione progressiva come se arrivassi in treno. Si avvisa che il primo giorno non fare sforzi, non fare la doccia fino al giorno successivo, la fatica è di solito maggiore, è bene idratarsie meglio se è con acqua. Alcuni soffrono di mal di testa prolungato, ho notato solo una certa tachicardia o sensazione di mancanza di respiro quando mi sono sdraiato a letto la prima notte, dopo che i giorni rimanenti erano assolutamente normali.

Dopo un po 'di conversazione sul tempo e altri problemi più banali, ha dettagliato il piano per quel giorno e il prossimo. Abbiamo trascorso il pomeriggio libero una volta che siamo rimasti, per conoscere Lhasa e acclimatarci all'altitudine. Il giorno dopo, dopo colazione in hotel, ci veniva a prendere per l'escursione assunta  Lago Yamdork.

Durante il viaggio nel furgone siamo rimasti sorpresi da un paesaggio molto arido, con poca vegetazione, solo qualche pioppo vicino al fiume Tsangpo annuale Confina con gran parte della strada. Montagne deserte senza alberi, alcune con neve sulle cime. Il cielo di un intenso colore blu, senza alcuna nuvola. Attraversiamo pochissime città, solo capanne solitarie fatte di mattoni grigi, molte non dipinte, altre dipinte di bianco, senza rifiniture, di un unico piano, senza alcuna concessione all'estetica o all'ornamento oltre il onnipresente Lung ta o bandiere di preghiera tibetane.

Le strade in generale sono in buone condizioni, soprattutto rispetto ai paesi vicini come il Nepal, ma la guida è spericolata Come in quasi tutta l'Asia. Sorpassi rischiosi senza piena visibilità o curva, o tre veicoli contemporaneamente sulla strada, quello che avanza, quello che avanza nella direzione opposta, camion e autobus tra di loro. Tuttavia, c'è molto rispetto per i limiti di velocità per paura delle multe, il che significa che non vanno molto velocemente. All'ingresso della città un controllo della polizia costringe a passare molto lentamente, i militari cinesi ci lasciano passare senza complicazioni dopo aver eseguito un controllo visivo dall'esterno agli occupanti della macchina.

Vista frontale del Palazzo Potala
Vista frontale del Palazzo Potala

Siamo arrivati ​​al Lhasa Kangdro Hotel (Raosai Primo Lane-Raosai Yi Xiang), si trova nella parte tibetana di Lhasa, nella città vecchia, a cinque minuti a piedi dalla strada Backhor e del tempio Johkang, il centro nevralgico di Lhasa e il centro principale del buddismo tibetano. Il nostro hotel ha tre piani ed è decorato in stile tibetano. Secondo l'agenzia è a tre stelle, deve essere classificato in base alla qualità tibetana, ma sebbene austero è pulito e bello. Lo staff è composto da due o tre tibetani locali che parlano correntemente l'inglese e sono molto gentili e cordiali. Abbiamo portato le nostre valigie più volte nelle stanze e lentamente, c'è un bagno privato e acqua calda in ogni stanza e la decorazione nei colori rosso e arancione, con Buddha, fiori e tutta l'iconografia buddista è fantastica.

Ci siamo registrati e ci hanno dato delle ciotole di tè di benvenuto. il La scelta dell'hotel a Lhasa è essenziale, la parte occidentale della capitale assomiglia a tutte le città cinesi che abbiamo visto prima, con un'architettura identica di blocchi di cemento e negozi e senza alcuna grazia. Tuttavia, in centro si respira l'atmosfera di una città vecchia, è chiusa al traffico stradale, e hai i templi principali a pochi passi, è senza dubbio la migliore opzione possibile. C'è una vasta gamma di questi tipi di hotel tibetani, tutti molto simili per prezzo ed estetica in questa zona della città.

Salutammo la guida fino al giorno dopo alle 09.00 del mattino e lasciammo l'albergo verso Via Backhor. Siamo stati fortunati con Norbu, non ha alcun interesse ad accompagnarci in giro per la città, sarà con noi solo in escursioni e visite ai templi, quindi possiamo andare per la nostra strada finché non lasciamo Lhasa. Il centro della città rimane intatto nonostante il progresso dell'architettura governativa cinese, è composto da strade strette con architettura tibetana che formano un grande mercato dove è possibile acquistare frutta, carne, quasi tutto. Sono bancarelle di strada, a volte non più di un carro. Puoi osservare il popolo e la cultura tibetani tradizionali. Lui  L'odore di burro di Yak è molto intenso, permea tutto  e prenditi un po 'di tempo per abituarti. I fili della luce e del telefono ruotano attorno ai pali e ai lampioni.

Vista del Palazzo Potala dalla distanza
Vista del Palazzo Potala dalla distanza

Abbiamo comprato delle banane da una donna tibetana, che usa ancora le vecchie bilance manuali per pesarle. I pezzi di carne di manzo e yak sono esposti senza alcun tipo di misura sanitaria, sopra un legno che funge da banco di fortuna, e senza alcuna refrigerazione. La maggior parte delle donne che incontriamo indossano cappelli per proteggersi dal sole e una maschera sulla bocca, cosa che non riuscivo a capire per cosa la indossassero. Hanno un vestito austero, con capi scuri, ma sempre con alcuni elementi di colore intenso, quasi sempre rosso, la pelle molto rugosa dei più grandi contrasta con la pelle liscia e rosata dei più piccoli, gli sguardi sono molto profondi ei gesti sinceri , o almeno questa è stata la nostra prima percezione.

Dopo aver camminato cinque minuti noi accediamo Via Backhor in un vicolo. L'immagine ci lascia tutti scioccati, improvvisamente siamo nel mezzo dell'epicentro religioso tibetano, centinaia di devoti pellegrini camminano in senso orario attraverso la periferia esterna del Tempio di Johkang  mentre girano la ruota della preghiera. Il giorno dopo Norbu ce lo disse devono andare in giro per il tempio tre volte prima di entrare, molti vengono a piedi da regioni remote e molto remote del Tibet, inoltre molti si dirigono qui cadendo a terra in preghiera ogni tre passi. Alcuni camminano in senso orario dall'alba all'oscurità.

Circonda il Tempio di Johkang, stanno pregando mentre camminano del tutto ignari degli occidentali che li osservano stupiti, dopo una decina di minuti sotto shock abbiamo deciso di fare una passeggiata intorno al tempio (nella stessa direzione) e abbiamo iniziato a scattare qualche foto. Ci sono pellegrini di tutte le età, anziani dalla barba bianca affilata, con un bastone come un bastone e una tunica arancione, che sembrano usciti da alcune serie tv, donne con bambini in braccio, altre scalze. Ci fermiamo come loro davanti al tempio di Johkang per vedere come giacciono sul pavimento per fare le loro preghiere. L'atmosfera ha una strana forza di magnetismo spirituale, l'atteggiamento riverente dei pellegrini davanti al tempio quando inizia a farsi buio crea un momento intenso.

Vedute del quartiere musulmano in Tibet
Vedute del quartiere musulmano in Tibet

Tutta questa magia si spezza quando iniziamo a rendercene conto quasi tutti i tetti delle case sono occupati da postazioni militari cinesi in atteggiamento bellicoso, con armi in mano e tensione evidente. Lo sguardo militare vigile e minaccioso dell'esercito cinese è presente ovunque a Lhasa. Pattuglie di quattro o cinque soldati prendono a calci le strade o effettuano il cambio della guardia seguendo il protocollo della password, cosa molto indicativa che per il governo cinese si tratta di una zona prebellica. Questo è in netto contrasto con i devoti tibetani che vagano in giro Via Backhor. A quel tempo eravamo a conoscenza del politica repressiva e di rifornimento che Pechino Si svolge in questa zona del pianeta.

I pellegrini non si fermano Gira le tue ruote di preghiera, questo tubo di metallo dorato è un oggetto sacro per il buddismo tibetano. Montato sopra un bastone c'è un rotolo di carta su cui è scritto un mantra, girandolo in senso orario è come se si recitasse il mantra. Vediamo anche che ci sono molti monaci buddisti che fanno i giri intorno al tempio. Facciamo il giro della spianata in cui si trova il Via Backhor davanti al tempio. Ci sono due o tre grandi forni o bruciatori dai quali esce continuamente fumo dovuto alla combustione dell'incenso come forma di preghiera, vediamo molti pellegrini che pregano accanto alle bandiere, c'è una grande folla di persone, grandi pali di legno di oltre 15 metri coronati con alcuni tessuti con i colori del Tibet risaltano nel cielo della piazza. Le case sono tutte uguali, alte uno o due piani, dipinte di bianco con un bordo rosso sul tetto e le stoffe decorative alle finestre nei colori usuali. Tutti hanno un ramo sul tetto con bandiere colorate con testi sacri buddisti.

Dettagli del tempio di Johkang
Dettagli del tempio di Johkang

Dopo un po 'cerchiamo un sala da pranzo, in un angolo della piazza Backhor vediamo il Nuovo ristorante Mandala, un ristorante a due piani, e una terrazza con tenda da sole con ottime vedute sulla piazza e il tempio Johkang sullo sfondo È un ristorante nepalese che si accede da una piccola porta laterale, su per le scale, il ristorante è al secondo piano, l'interno è decorato con murales di mandala. Non abbiamo trovato posto sulla terrazza, ci siamo seduti a un tavolo all'interno. Diamo un'occhiata al menu in inglese. Si noti che è un ristorante popolare tra i turisti, ci sono un bel po 'di persone, alcune delle quali locali. Dopo una rapida occhiata ti rendi conto che il Nuovo mandala è Ristorante tipico asiatico con una varietà di piattiCucina indiana, nepalese, cinese, tibetana, piatti internazionali, porzioni abbondanti e prezzi popolari da cambiare per i turisti. Servizio gentile ma incapace e un po 'disorganizzato, ci sono continuamente ragazze che salgono e scendono le scale con vassoi pieni di piatti, in generale c'è un po' di mancanza di igiene dal punto di vista occidentale e bagni quasi sempre disastrosi.

Abbiamo deciso di condividere tutti i piatti, abbiamo ordinato il curry di yak con riso bianco, pollo al masala, un sacco di nan, curry di verdure e gnocchi. Vediamo in mostra una bottiglia di vino bianco e decidiamo di ordinarla, prima lo diciamo a una ragazza che ci guarda sorpresa, parla con qualcuno dietro il bancone e ci mostra la bottiglia, le chiediamo una uguale ma fresca e lei ci dice che non può Essendo, che è l'unica che ha, le chiediamo un secchiello del ghiaccio, lei se ne va e un minuto dopo arriva una terza ragazza diversa e ci dice che non può vendercela perché è per la decorazione o l'esposizione, o qualcosa del genere che pensiamo di capire Alla fine abbiamo ordinato qualche birra per tutti. Il Il cibo è abbastanza buono, senza ottima esposizione, ma corretto. di da sei a dodici euro in media Di solito è il prezzo di questo tipo di ristoranti. Prendiamo il tè e camminiamo verso l'hotel, guardando in alto per cercare le stelle in un cielo limpido con poco inquinamento, le strade sono vuote e silenziose, non è troppo tardi, forse le nove di sera. Esausti per tutto il giorno andiamo a letto.

LAGO DI YAMDORK

Ci alziamo e 24 ore dopo possiamo finalmente fare di nuovo una doccia. Siamo andati a fare colazione e Norbu ci sta già aspettando, la colazione è europea, a base di uova, patate, toast e caffè o tè.

Lago Yamdork
Lago Yamdork

Lasciamo Lhasa in un minivan, all'uscita della città, dopo essere passato davanti a Palazzo Potalain Jiangsu Road dobbiamo quasi fermarci per schivare alcune mucche che vagano per strada a loro agio. Abbiamo lasciato la città, subito dopo aver attraversato il ponte sul fiume, siamo stati colpiti da scale dipinte sulle pareti rocciose delle montagne, sembra che sia un simbolo dell'ascesa spirituale a cui i buddisti tibetani devono arrendersi. Successivamente ci siamo fermati accanto ad alcuni polmone ta o bandiere di preghiera, che sono quei pezzi rettangolari di stoffa colorata, che si trovano spesso in passaggi collinari e cime himalayane. Erano in un piccolo tumulo accanto alla strada con diversi tibetani che vendevano souvenir e frutta. Facciamo alcune foto e proseguiamo verso il lago. Al momento del viaggio quando chiediamo un servizio la guida ci indica sorridendo per tutta l'estensione della natura che abbiamo di fronte a noi, abbassiamo tutti gli uomini, sfortuna per le ragazze.

Quasi due ore dopo aver lasciato l'hotel veniamo a lago Yamdork, per arrivare qui devi salire su una strada in buone condizioni anche se un po 'stretta, che si snoda su per le pendici delle montagne.

Il lago è abbastanza largo, è alto quasi 5.000 m, il L'acqua è di un blu turchese e riflette le nuvole come uno specchio Lo è stato. È uno dei tre laghi sacri del Tibet, è considerato un dio dai tibetani. Dall'altra parte del lago si può vedere una piccola città con tre o quattro case sul lato della montagna. Scendemmo e immediatamente due o tre ragazze si avvicinarono per cercare di venderci acqua o bibite. Questo è comune nei luoghi in cui appaiono i turisti, ma sono affatto aggressivi o molto pesanti, come nel caso dei loro connazionali cinesi, infatti a Lhasa nessuno si avvicina a te per comprare qualcosa, sono sulle loro bancarelle e quando sei interessato a qualcosa che già stabilisce un contatto con te.

I dintorni del lago sacro di Yamdork
I dintorni del lago sacro di Yamdork

Ci sono un paio di famiglie e due o tre cabine, molti yak che giacciono sulla riva, un mastino tibetano e molte bandiere di preghiera. Ti offrono un giro in chiatta o scatta foto con loro o con i bambini che le ragazze usano come animali domestici. Abbiamo scattato le foto tipiche sul retro di uno yak, c'è stato un malinteso sul prezzo, la discussione è andata agli adulti, non per il prezzo ma per l'atteggiamento del proprietario degli animali, dopo un'aspra discussione, non ha fatto pagare i soldi che Stavo aspettando e penso che mi sarei sputato la schiena. Tuttavia è un aneddoto, la stragrande maggioranza delle persone sono infinitamente amichevoli e gentili.

Tras delle Nazioni Unite un'ora e mezza di trekking nella zona del lago Siamo tornati a Lhasa. Siamo arrivati ​​a metà pomeriggio e abbiamo salutato Norbu e l'autista fino al giorno successivo. Abbiamo cercato di dare loro la mancia per il tour, ma hanno insistito sul fatto che se volessimo dare loro qualcosa, era alla fine del viaggio, l'ultimo giorno. Abbiamo fatto una passeggiata per la città. Ad est dei vicoli della città vecchia si trova il Quartiere musulmano di Lhasa, in un paio di strade l'odore del burro di yak è scomparso, i volti sono diversi, senza lineamenti tibetani così marcati, uomini e donne si vestono secondo l'usanza musulmana, hanno i loro mercati e le loro attività, non sembrano vivere nel turismo, né hanno alcun rapporto con il resto della città, vediamo donne che lavorano con le loro macchine da cucire per strada, macellai (o il più vicino possibile) e aspettano persino che i genitori lascino la scuola dei bambini, come in qualsiasi città del mondo .

Andiamo al nuova parte della città, la strada Beijing Dong Lu Delimita la vecchia area a nord di Lhasa, questa strada è aperta al traffico e c'è un sacco di rumore proveniente dai clacson delle infinite motociclette. L'ambiente devoto e cerimoniale dei dintorni di Backhor scompare rapidamente. Qui abbiamo visto turisti, gente del posto, cinesi di altre province, alcuni monaci buddisti trasportati su un triciclo, madri con bambini in braccio che andavano o venivano dallo shopping. Siamo rimasti molto colpiti dal fatto che i pantaloni indossati da neonati o bambini ancora piccoli hanno una fessura o un'apertura dall'alto verso il basso nell'area del mezzo del culo, quando ne hanno bisogno, le madri li accovacciano sul pavimento , l'apertura è ampia facendo cadere tutto a terra, quando finiscono, su e continuano. Senza dubbio i pannolini sono sottovalutati in tutta la Cina.

Beijing Dong Lu È pieno di negozi e bar in stile occidentale, Entriamo nel  Balcone e bar Dunya, ristorante al primo piano, ha una magnifica terrazza nel pub all'ultimo piano. Avevamo caffè enormi sulla terrazza che dava sulla strada godendosi il resto. Dopo essere entrati in un altro posto in un vicolo adiacente con un grande cortile interno, siamo rimasti fino al tramonto prendendo alcuni gintonics. Rientrando in hotel camminando tranquillamente, in un vicolo vediamo come si allungano fili di lana di oltre 20 metri, stupendo tutto ciò che fanno con macchinari o strumenti rudimentali molto vecchi. Esausti siamo arrivati ​​in hotel con la voglia di dormire, ma stanno facendo il Gran Premio F1 di Singapore per la TV cinese e siamo rimasti in una stanza per vedere come vince Alonso.

VISITA AL TEMPIO DI JOHKANG  

Lasciamo l'hotel a piedi, in cinque minuti arriviamo al Via Backhor, ci siamo avvicinati al tempio con Norbu, cordiale e disponibile come sempre inizia a raccontarci cose del tipo che è un patrimonio culturale dell'Unesco, quando è stato costruito, ecc ... I dintorni sono il luogo della concorrenza dei mercanti, in Backhor strada c'è un intero mercato di strada sui marciapiedi e dietro queste bancarelle ci sono più negozi. La sua pianta circolare circonda il tempio di Johkang, diventa il punto d'incontro per eccellenza della città, devoti buddisti si riuniscono eseguendo riti religiosi per soddisfare i loro desideri, venditori di artigianato etnico e persone che soddisfano le usanze ancestrali tibetane.

Religione, cultura, economia e tradizione si intersecano in questa via che è sia mercato che luogo sacro di preghiera. Un curioso mix. lo so vendono maschere, cinture, scarpe, gioielli, abbigliamento, coltelli, monete, cimeli dell'iconografia buddista e artigianato in generale Per il la notte si trasforma in un mercato notturno, le luci si accendono, il cibo viene offerto e puoi vedere gli ultimi pellegrini della giornata e gli ultimi negozi per chiudere i clienti che si precipitano.

Facciamo la fila mentre Norbu ci procura i biglietti, tibetani di tutte le età da tutto il paese, concentrati attorno all'ingresso per pregare, inchinando il suo corpo ancora e ancora, sussurrando continuamente mantra Om Peanut Padme Hum (Mantra buddista "Il gioiello nel loto" che purifica l'orgoglio, l'invidia e l'odio) mentre girano la loro Ruota della Preghiera. Ancora una volta abbiamo assistito allo straordinario fervore religioso che domina tutto in Tibet.

El tempio di Johkang Ha 4 piani con una splendida facciata da cui pendono grandi tessuti con simboli tibetani. Sopra le tele sul tetto dipinto di rosso si può vedere la figura di due grandi cervi dorati che rappresentano un uomo e una donna, e al centro una grande ruota del Dharma. Entrambi sono elementi caratteristici dei templi buddisti, che presiedono agli ingressi indipendentemente dal paese in cui si trovano, Tibet, Nepal, Bhutan, India, ecc ...

Quando Norbu entra, fa notare che c'è una cerimonia del monaco che si svolge in determinate occasioni e che siamo molto fortunati a poterla assistere. Ce lo dice rimanere in silenzio e le foto non sono consentite durante la cerimonia Abbiamo Rapidamente acceduto al tempio dalla fila di turisti, la fila di pellegrini è uno sciame rispetto al nostro, alcuni monaci regolano l'accesso dei pellegrini, che letteralmente si accalcano accanto alle pareti interne del tempio per depositare i regali e pregare alle innumerevoli immagini smaltate del Buddha che si trovano all'interno. In tutti i templi e monasteri tibetani, i pellegrini lasciano offerte come il burro di yak in grandi ciotole con stoppini accesi, depositano anche banconote ai piedi di ciascuna delle statue dei diversi Buddha e talvolta stoffa bianca o persino birra.

Al centro della stanza, quaranta o cinquanta monaci della setta del cappello giallo (quei cappelli giganti con una specie di stuoia molto riconoscibile in cima) sono seduti in fila sul pavimento, suonando le trombe tibetane, una specie di corno di rame di diversi metri di lunghezza. È composto da più pezzi che si incastrano. Mentre mormora continuamente il mantra, il I pellegrini depositano denaro davanti a ciascuno dei monaci. Il suono che producono suona grave, profondo, puoi quasi sentirlo sulla pelle. La decorazione interna è ricca di oro e elementi ornamentali. Il colore rosso è la base per innumerevoli immagini e dettagli floreali. Le pareti del tempio sono un susseguirsi di cappelle, sale e vari tabernacoli.

Passiamo a un patio interno aperto, saliamo sul tetto, il la vista dal tetto è fantastica, puoi vedere l'intera piazza Backhor con i pellegrini in costante movimento, con il Palazzo Potala sullo sfondo e oltre le montagne che circondano Lhasa. Finiture dorate spiccano su tutto il tetto del tempio. Sul tetto ci sono bandiere di preghiera e grandi pinnacoli dorati con mantra scritti. Colpiscono anche tutte le figure dorate sotto forma di Buddha e draghi che circondano i tetti.

La La visita al tempio è stata una grande esperienza, la mattina è volata e abbiamo deciso di andare a mangiare, abbiamo salutato Norbu uscendo e siamo rimasti il ​​giorno dopo per visita a Palazzo Potala. Mangiamo in un ristorante vicino al retro del tempio, ha una struttura simile a quasi tutti i ristoranti di Lhasa, un ingresso stretto, scale di accesso e diversi piani sormontati da una terrazza. Ci sediamo a un tavolo da cui puoi vedere come si voltano i pellegrini Johkang, i clienti sono tutti turisti, la cameriera è disponibile e piuttosto giovane e bella, chiediamo diversi piatti da condividere tra tutti (gnocchi, pollo al curry, verdure piccanti e birra). Mangiammo e preparammo un lungo tavolino da caffè, poi andammo in albergo a riposare e forse un pisolino. Più tardi andammo a fare una passeggiata per la città per vedere il tramonto, comprammo un po 'di frutta in una bancarella della strada per cenare nella stanza e tornammo in albergo.

IL PALAZZO POTALA

Ci alziamo alle 07.00 del mattino, Narbu ci viene a prendere in minivan dopo aver fatto colazione e andiamo al Palazzo Potala. Dopo averci lasciato alla porta, va con l'autista a prendere alcuni turisti russi in un altro hotel. È abbastanza presto e anche se la giornata è soleggiata, fa freddo. Dobbiamo arrivare al tempio prima che apra le porteInoltre, è necessario prenotare il biglietto ed essere nell'elenco di accesso, come ha fatto la guida. È importante essere precoci perché aperto solo due ore al giorno al mattino. Penso di ricordare che l'ingresso costava circa dieci euro.

Collocato la montagna rossa, nel centro della strada Pechino East Road, è impressionante guardare questo palazzo all'ingresso, sembra un enorme castello murato di due colori. Una fortezza compatta simbolo della nazione tibetana. È senza dubbio l'elemento dominante di Lhasa, presiede la città dal monte Potakala, è la prima cosa che ti colpisce, che cattura i primi sguardi in città. Norbu ci dice sulla strada per la porta di accesso interna che era la residenza ufficiale del Dalai Lama fino all'occupazione cinese, che lo ha costretto a fuggire in India. Riteniamo che l'atteggiamento di Norbu sia di totale rispetto e rispetto dalla stessa entrata. La caratteristica principale del tempio sono le sue dimensioni incredibili, quasi 120 metri di altezza e pavimenti 13e ovviamente i due colori che lo compongono: il Palazzo Rosso e il Palazzo Bianco. L'interno è piuttosto buio, ci sono più stanze molte delle quali hanno accesso chiuso o proibito. Puoi scattare foto solo nei cortili interni aperti, nessuno all'interno.

La decorazione è molto elaborata e l'aria è densa di forti odori di incenso, burro e birra che vengono usati per le offerte ad alcuni Buddha. Norbu cerca di spiegare dettagliatamente l'intera operazione del tempio. Nomina gli innumerevoli dei o Buddha e le loro funzioni, i luoghi sacri attraverso i quali passiamo, spiegando ogni stanza e il significato di tutto ciò che vediamo, ma il suo accento ci impedisce di comprenderlo minimamente, riesce a esasperarci e nonostante abbia ottime intenzioni e lo ripete più volte, alla fine abbiamo deciso di rinunciare alle sue spiegazioni, chiedergli di stare zitto e di poter godere di tutto quello che vedevamo. Se fosse abbastanza difficile assimilare una tale quantità di informazioni in così poco tempo nella tua lingua, immagina senza capire nulla di ciò che ti stanno dicendo. C'è Enormi Buddha alti diversi metri, tutti d'oro, distribuito su una moltitudine di stanze. il Palazzo PotalaCome il resto dei principali siti di pellegrinaggio tibetano, è ben fornito di ricchezze, la sua presenza dietro le urne vetrate è evidente e non abbiamo ben compreso il contrasto tra tutte queste ricchezze e la miseria e la povertà dei devoti tibetani.

Sembra quello il denaro è assolutamente necessario per il mantenimento del sistema religioso tibetanoe si realizza attraverso le donazioni dei fedeli ai templi e ai monaci. in Potala Puoi anche vedere molte reliquie storiche e sacre scritture per i buddisti. All'interno i colori sono rosso, bianco e giallo dorato, grossi tamburi tibetani pendono dai soffitti. I quartieri privati ​​del Dalai Lama rimangono intatti a causa della speranza simbolica di un possibile ritorno, anche se potrebbe non sembrare molto probabile. La visita richiede tra una e due ore per il completamento a causa delle enormi dimensioni.

L'uscita del tempio si fa dal retro, mentre scendendo le rampe dell'ampia scalinata esterna ci si sofferma ad osservare la vista panoramica della città nuova. Nella parte inferiore del tempio i pellegrini che sono discesi Potala eseguono le loro preghiere sulle Ruote della Vita che circondano il palazzo. Spesso queste ruote adornano i templi buddisti, descrivono sofferenza e rinascita, si basa sull'idea stessa buddista della reincarnazione. Contengono i testi sacri del buddismo tibetano e ruotandoli, ancora una volta in senso orario, si ascoltano le preghiere. Passiamo molto tempo ad osservare la gente, che con abiti tradizionali e tra continui mormorii fa girare le ruote, molti pellegrini si fermano davanti ai dipinti di diverse divinità buddiste sul muro del tempio. Là fanno offerte diverse in un atteggiamento devoto. Usciamo e facciamo una passeggiata nei dintorni, davanti al palazzo c'è una grande piazza con un monumento in onore della libertà e della lotta del popolo tibetano.

Abbiamo deciso di tornare a piedi nella vecchia zona dove abbiamo l'hotel, abbiamo mangiato di nuovo qualcosa nel Nuovo ristorante Mandala e abbiamo trascorso l'ultimo pomeriggio a Lhasa godendo la gente che camminava per le strade senza una destinazione specifica.

PARTENZA TIBET

Ci siamo alzati molto presto dato che il volo per Lijiang è partito la mattina presto, abbiamo fatto colazione, abbiamo abbassato le valigie e dopo il check out abbiamo salutato con grande tristezza le amichevoli persone dell'hotel, prima di partire dovevamo restituire il permesso di ingresso per Norbu di consegnarlo all'agenzia di viaggi e questo al governo cinese. Abbiamo fatto alcune foto con la guida all'ingresso dell'hotel per immortalare il momento. Cariciamo la spazzatura e finalmente saliamo sul minivan, ci rendiamo presto conto di aver fatto qualcosa in ritardo, abbiamo calcolato male il tempo e siamo molto onesti. Facciamo sapere a Norbu, chi dice al guidatore, e questo aumenta la velocità e i "rischi calcolati", abbiamo una certa sensazione di disagio a causa del ritardo che abbiamo e della guida, nonostante i primi aumenti sia impossibile per noi dormire durante il Vado a piedi all'aeroporto.

Cogliamo l'occasione per risolvere il problema in sospeso dei suggerimenti, entrambi siamo grati dopo averli ricevuti. Alla fine arriviamo cinque minuti prima della chiusura del volo, corriamo dall'auto ai banchi del check-in, mentre l'autista scarica ed entra nei bagagli. Le porte del terminal di accesso al velivolo sono già aperte, per pochissimo ma siamo arrivati ​​in tempo. Salutiamo Norbu per l'ultima volta mentre riprendiamo fiato e ci mettiamo in fila per lasciare indietro il Tibet.
[jbox color = "blue" vgradient = "# fdfeff | # bae3ff" title = "Ti è piaciuto questo articolo?"] Bene, ti chiediamo solo di condividerlo nel in cima all'articolo  Hai pulsanti per condividerlo google plus, facebook, twitter, pinterest, ecc ... [/ jbox]

4.6/5 - (240 voti)

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.